statistiche siti web

Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Ultime notizie:

Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Protocollo: 36/2017
Circolare n.: 8/2017

Dichiarazione Iva, Modello 730, Modello Redditi liquidazioni periodiche: presentiamo un calendario delle più importanti scadenze fiscali previste per i prossimi mesi del 2017 che sicuramente sarà utile all’agente contribuente.

Il 2017 è infatti un anno che, anche a causa della Legge di Bilancio e del Decreto fiscale n. 193/2016 a essa collegato, presenta molte novitàrispetto al passato per quanto riguarda sia i termini di presentazione delle dichiarazioni sia le modalità di trasmissione dei dati. Vediamo quali in questo pratico riepilogo.

La dichiarazione Iva 2017 in forma autonoma

Ricordiamo, innanzitutto, che a partire da quest’anno la dichiarazione Ivadeve essere presentata per via telematica e in forma autonoma: non più, quindi, insieme alla dichiarazione dei redditi nel Modello Unico. La scadenza per il 2017 era fissata al 28 febbraio, ma a partire dall’anno prossimo il termine sarà spostato al 30 aprile.

La dichiarazione deve essere inviata obbligatoriamente ogni anno per via telematica da tutti i titolari di partita Iva che esercitano attività di impresa, attività artistiche o professionali.

La scadenza delle rate del saldo Iva

Più complesso tenere a mente le possibili scadenze del versamento del saldo Iva, l’importo che i professionisti devono versare ogni anno al Fisco per colmare la differenza tra l’Iva a debito e l’Iva ammessa in detrazione.

Il saldo può essere pagato in un’unica soluzione oppure a rate. Il versamento in un’unica soluzione andava effettuato entro il 16 marzo, tramite Modello F24 e in modalità telematica; il pagamento a rate, che comporta un interesse dello 0,33% mensile, va invece effettuato in un massimo di nove soluzioni mensili, e quindi entro novembre 2017.

Ma non solo: il saldo Iva a debito può anche essere versato in ritardoentro il 30 giugno, in un’unica soluzione o –ancora– a rate. In caso di rateazione, si applica oltre agli interessi una maggiorazione dell’importo dello 0,4%.

Lo spesometro per i contribuenti Iva mensili e trimestrali

Fissate invece al 10 aprile per i contribuenti che effettuano liquidazioni Iva mensili e al 20 aprile per chi si avvale di quelle trimestrali le scadenze dello spesometro annuale 2017, relativo all’anno di imposta 2016.

Lo spesometro, ricordiamo, è la comunicazione che professionisti e titolari di reddito d’impresa devono fare all’Agenzia delle Entrate riguardo tutte le operazioni rilevanti ai fini Iva. Il Decreto fiscale 193/2016 ha tuttavia modificato la procedura, abolendo lo spesometro annuale (quello del prossimo aprile relativo al 2016 sarà l’ultimo) e introducendo quello semestrale per il 2017 e trimestrale a partire dal 2018.

Le scadenze per l’invio dello spesometro semestrale relativo al 2017 sono il 18 settembre 2017 e il 28 febbraio 2018.

Le scadenze delle liquidazioni Iva periodiche

Anche il meccanismo delle liquidazioni periodiche dei soggetti passivi Iva è stato recentemente modificato dal Decreto fiscale. Da quest’anno la comunicazione deve essere infatti effettuata esclusivamente per via telematica ed entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre.

I contribuenti devono quindi effettuare la liquidazione del primo trimestre del 2017 entro il prossimo 31 maggio. La liquidazione del secondo trimestre potrà essere effettuata in deroga entro il 18 settembre, mentre quelle del terzo e quarto trimestre andranno fatte rispettivamente entro il 30 novembre 2017 ed entro il 28 febbraio 2018.

Il nuovo Modello Redditi 2017

Il Modello Redditi, infine, è riservato da quest’anno ai contribuenti che percepiscono reddito d’impresa o da lavoro autonomo e che non possono quindi usufruire del Modello 730.

Il Modello Redditi 2017 per persone fisiche deve essere presentato in via telematica, direttamente o tramite intermediario, entro il prossimo 30 settembre. Poiché nel 2017 il 30 settembre cade di sabato, la scadenza slitterà al 2 ottobre. Fanno eccezione alcune categorie di contribuenti che possiedono redditi che possono essere dichiarati con il Mod. 730 ma che sono comunque costretti a inviare il Modello Redditi: tali contribuenti possono presentare il Modello in forma cartacea fino al 30 giugno 2017.

Scadenza il 2 ottobre anche per il Modello Redditi per società di persone(SP) e per società di capitali (SC). In entrambi i casi, infatti, il modello deve essere presentato entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo di imposta.

Convenzione FNAARC - UTA Edenred

Richiedi la tua carta carburante UTA Edenred
e fai carburante ricevendo una sola fattura elettronica a fine mese,
valida ai fini fiscali


Scarica la brochure

 

Leggi di più...